Archive for settembre, 2007

Grillo e Bauman

sabato, settembre 29th, 2007

museo-romano.jpg

.

Beppe Grillo è stato un refusé per molti anni. Gli fu impedito di lavorare in RAI a causa di alcune battute, all’epoca, sui socialisti italiani. Potrebbe aver covato da allora uno di quei fatali risentimenti che, secondo le analisi di Zygmunt Bauman, si sarebbero potute trasformare in una ideologia. In effetti nell’ormai famoso vaffanculo-day, nelle varie piazze italiane, la voce registrata di Grillo si lamentava della scarsa considerazione riservata al suo libro, vendutissimo, ricordando enfaticamente la prefazione del premio Nobel Joseph E. Stiglitz .
Questa esibizione pubblicitaria inglobata nello spettacolo-denuncia, che ripropone la condizione del refusé, è ambigua. Tuttavia il libro è scaricabile gratuitamente, e questo va considerato favorevolmente. Per il resto i politici (a parte Piero Fassino) hanno risposto in affanno e puerilmente (non sono molto intelligenti) ed in genere hanno attuato un processo di demolizione utilizzando schemi obsoleti.
Quando Grillo raggiungerà il massimo dell’esposizione, italianamente, non potrà che decrescere o implodere, ma sul chi ci guadegnerà è una vera incognita.
Aforisma autunnale:

Le foglie non cadono più e non vogliono dimettersi.

La famigliola

mercoledì, settembre 26th, 2007

putti1.jpg

Qualche anno fa chiesi ad una simpatica e giovane donna, assessore di un bellissimo paese della Romagna, Bagnocavallo, ed appartenente all’allora PDS, come mai organizzasse nelle serate estive, e durante le festività natalizie, manifestazioni di basso profilo culturale giocando soprattutto su retoriche localistiche e su strategie culturali molto banali.
Provocatoriamente (era piuttosto attraente) le feci notare che in fondo non c’era molta differenza dalla cultura “leghista”, che allora cavalcava quasi le stesse idee.
Lei candidamente mi rispose che se si voleva far uscire la sera le famigliole bisognava programmare in quel modo.
La risposta mi parve accettabile e al momento persino intelligente.
Ma provai al contempo raccapriccio, come spesso mi accade, sull’uso dei termini.
La parola famigliola la trovai orripilante, tuttavia significativa di come, questa nuova sinistra moderna, intendeva muoversi nel terzo millennio.
Credere o non credere alla famiglia non è importante, era comunque un target.
In quel termine io lessi una sprezzatura, per quanto la parola indichi un concetto di famiglia allargata, e dunque apparentemente più corrispondente al contemporaneo. No, la famiglia è famiglia. Che siano due omosessuali due sorelle o due fratelli o frammenti di affettività più o meno estese, diconsi famiglie; non famigliole che fa rima con braciole braciolate piadina e sangiovese, per superficializzare, futilizzare, o autosdoganarsi dalla pesantezza ideologica della propria provenienza che si riduce poi in un comportamento psicologicamente scollato: non ci credo ma sono trendy, come si diceva allora.
Per far uscire la sera le cosiddette famigliole non era necessario un assessore ma un art-director di eventi. L’assessore, invece, si occupa di famiglie, di politica per le famiglie, di tutti noi, anche dei single che, soli ma socializzati, fanno pur una famiglia.

Flaiano a tavola

lunedì, settembre 24th, 2007

angelo-pfarnese.jpg

.

Ennio Flaiano era contro gli sprechi a tavola e certi suoi atteggiamenti erano accompagnati da un grande senso del pudore. Quand’era a pranzo con Federico Fellini, che aveva l’abitudine di non finire il piatto, si premurava di mangiare anche gli avanzi dell’amico, oppure di nascosto li nascondeva da qualche parte, per paura che il proprietario della trattoria potesse pensare che la cucina non fosse gradita. Ordinare e non finire poi non sta bene; è, come si dice, uno schiaffo alla miseria.
Il giornalista Sergio Rizzo ci ricorda un episodio:
Un giorno il presidente Luigi Einaudi invitò a pranzo un gruppo di giornalisti e intellettuali. Alla frutta, il maggiordomo recò un enorme vassoio dove c’era di tutto. E, tra quei frutti, delle pere molto grandi. Einaudi guardò un po’ sorpreso tanta botanica, poi sospirò:Io prenderei una pera, ma sono troppo grandi, c’è nessuno che vuole dividerla con me?
Il maggiordomo si fece rosso e molti rimasero interdetti.
Finchè Ennio Flaiano alzò la mano: Io!

La repubblica delle pere indivise

Frank Gehry e Pablo Picasso

giovedì, settembre 20th, 2007

Il Guggenheim Museum di Bilbao di Frank Gehry mi ha sempre evocato un quadro di Picasso del 1937 intitolato La baignade.
È l’opera più mediterranea che il Novecento abbia prodotto, è tra le opere più poetiche di Picasso con risvolti di tenerezza e delicatezza. È tra le opere che mi hanno fatto più sognare.
La formazione di Frank Gehry deve molto all’arte e agli artisti, arte americana, artisti americani.
Nel film di Sidney Pollak (Sketches of Frank Gehry) alla domanda se l’arte entra in gioco nel processo compositivo Gehry mostra una riproduzione di un quadro di Hieronymus Bosch al quale si è ispirato per un suo lavoro a Gerusalemme.
Ma al di là di questo episodio significativo, che lega in qualche modo il famoso architetto con l’arte europea (ma del passato), forse il suo famoso psicoterapeuta, che viene intervistato nel film di Pollak, avrebbe potuto, e spero che lo farà in altra occasione, mostrare a Frank questo quadro di Picasso “rimosso”.
.
la-baignade-1937.jpg

.

bilbao-picasso1.jpg

.

bilbao-picasso2.jpg

.

bilbao-picasso3.jpg

.

.

Libri scolastici

martedì, settembre 18th, 2007

sincronicity-web.jpg

.

Per il Prof. Minghetti i libri di testo scolastici non servono a nulla, tranne che agli insegnanti.
Gli zaini si fanno sempre più pesanti e spaccano la schiena ai bambini che procedono piegati in due come gli schiavi.
Per le famiglie sono una spesa intollerante, con la stessa cifra si può comprare una discreta biblioteca di letteratura in edizione economica (classici e contemporanei).
Se hai due figli ci puoi comprare un computer portatile con cui fare molto.
Per Minghetti bisognerebbe abolire il libro di testo e sostituirlo con i libri. Per il resto fa tutto l’insegnante.
La storia? Bisogna saperla narrare. La Filosofia? Bisogna filosofeggiare in classe citando le fonti così si fa storia con leggerezza. La Geografia? Sarebbe da matti farla con Google Earth? Per Minghetti no, però bisogna conoscerla (oltre a saper usare un computer). La letteratura? Tornare alla lettura ad alta voce e riproporre un sano medioevo con la lectio, quaestio et disputatio. La scrittura? Se leggi scrivi. La Storia dell’arte? Saperla raccontare, poi diapo, video e letture di testi con commenti collettivi, poi si viaggia ma basta con le uscite didattiche: i ragazzi prendono il treno la domenica e si vanno a vedere le mostre, si organizzano come per pubs e discoteche; non portarli più da nessuna parte così gli viene loro un po’ di fame e alzano il culo, e se la fame non gli viene vuol dire che non dovevano mangiare, basta con l’accanimento terapeutico scolastico.
Per le materie scientifiche Minghetti lascerebbe qualche libro purchè vengano ristampati in nuove edizioni ogni cinque anni.
Perché mai ogni anno si deve cambiare libro di testo? Quali rivoluzioni epocali non sono scritte in quei libri che non si possono trovare altrove? Perché gli insegnanti sono accaniti innovatori nella scelta dei libri scolastici e ripetitivi nel metodo? Cosa cercano di trovare in quel libro se non una personale salvezza che rifugge da se stessi?
Il vero libro di testo, secondo Minghetti, è custodito nell’insegnante. È lui il libro di testo, vivente, parlante, narrante. È, persino, il libro a venire.

Il giornalista, il sociologo, il politico

sabato, settembre 15th, 2007

porta.jpg

.

Eugenio Scalfari, lucido come sempre, sul quotidiano La Repubblica del 12 settembre svolge la sua analisi sul vaffanculo day e sul “grillismo” o i “grillanti”, analisi che condividiamo. Manca però l’individuazione di quali potrebbero essere i “luoghi”, i “momenti”, per esercitare la propria partecipazione alle scelte politiche e far sentire la propria presenza, al di là delle scadenze elettorali.
Sullo stesso quotidiano, 14 settembre, Ilvo Diamanti è, come al solito, molto più attento e le conclusioni del suo articolo sono folgoranti: I leader del PD e della sinistra, per questo, oggi si muovono incerti. Fra due percorsi altrettanto insidiosi. Perché quando attaccano il V-day, quando deprecano, con parole sprezzanti, la cosiddetta “antipolitica”, se la prendono, direttamente, con la loro base. I politici che definiscono il V-day la risposta al vuoto della politica si autoritraggono, il vuoto sono proprio loro. Questa la sintesi finale di Diamanti.
Infine il ministro D’Alema. Lui ritiene che le centinaia di migliaia di firmatari del vaff-day siano l’espressione solo di un malessere, senza proposte politiche.
Ecco dunque un nuovo politico antipolitico inconsapevole, D’Alema, il più raffinato, algido, freddo e saputo dei politici.
D’Alema-Saputone, il gemello diverso di Veltroni-Capiscioni, non vuole farsi carico del “malessere” per elaborare una strategia che dia risposte politiche, come si diceva e a volte si faceva una volta ma, vacanziero, pretende che siano i cittadini ad elaborare progetti. In tal modo lui, antipolitico che ha altro da fare, può svolgere attività istituzionali di tutto riposo con compensi generosi. Ci tocca lavorare per lui.
Se io dico: D’Alema è indifferente al “malessere” perché è impegnato a “veleggiare” dico una cosa che può apparire qualunquista, di un qualunquismo probabilmente di destra, che rinfaccia una barca ad un politico; è una frase populistica, certo.
Una volta esisteva la “maggioranza silenziosa”, che pensava questo ma non lo diceva; le censure ideologiche forse non lo permettevano.
Rinfacciare un lusso ad un politico non è una “moda” ma è un modo per segnalare che non esiste più un rapporto di reciprocità tra il politico (come categoria oltre che come persona) e noi, tra te rappresentante e il resto che ti ha delegato. L’unica relazione che il politico ha con il mondo è lo specchio, che gli restituisce la sua immagine. D’Alema è un nuovo Narciso, e non tra i peggiori. Mancando la reciprocità tu hai privilegi che non ti riconosco più perché il tuo privilegio è uno schiaffo alla mia fatica e al mio mestiere di vivere (in deroga alla disciplina comune legislativa o consuetudinaria come viene definito dal dizionario De Mauro).
Dibatti di sanità pubblica ma ti curi all’estero, difendi l’istruzione delle scuole italiane ma i tuoi figli li mandi altrove, sei preoccupato per i giovani che hanno difficoltà per avere una casa, un luogo dove vivere, ma intanto compri a prezzi stracciati utilizzando tutti i privilegi danneggiando coloro che ti hanno votato, non solo lo fai per te ma anche per la tua generazione a venire, fai il bacchettone e il moralista ma vai con le puttane di lusso in alberghi di lusso e ti fai delle belle sniffate mistiche che poi non ricordi. Ai grandi si perdona tutto se hanno soddisfatto la relazione tra il sé e gli altri. Le vite private delle persone vere non interessano più di tanto se la loro dimensione pubblica è utile ed efficace. Anzi alcune biografie “scabrose”, soprattutto se postume, non scalfiscono l’immagine pubblica ma addirittura la accrescono.
Ma tu persona piccola, meschina, bugiarda, ipocrita, e soprattutto non reciproca nella relazione-opposizione politica/società, ti meriti l’antipolitica e la critica malevola che sfiora il qualunquismo, nella speranza che centinaia di migliaia di abitanti di internet ti seppelisca e ti cancelli. Qui siamo di bocca buona, siamo di mondo, non si tratta di moralismo, ma di etica comportamentale che solo un antipolitico odierno può comprendere. Tu, politico, non puoi. Per il resto a me Grillo non piace molto ma lo leggo e lo trovo interessante. Scelgo, separo, prendo il meglio, tralascio le esagerazioni spettacolari, e così via. Di te invece non mi piace proprio niente.

Antipolitica

mercoledì, settembre 12th, 2007

stracci.jpg

.

La posizione antipolitica di trenta, venti, o anche solo quindici anni fa, può essere valutata, in una luce attuale e con il senno di poi, quale posizione precorritrice dei tempi? Come se il “qualunquista” di ieri ricevesse un premio postdatato in considerazione del degrado della politica contemporanea.
L’ho sempre detto, te lo dicevo io.
Spiacenti, ma questo non crediamo sia possibile.
I non-pensanti di ieri rimangono non-pensanti oggi.
Chi non prende posizione oggi, o si distacca, non è la stessa persona di qualche anno fa, che mascherava la sua ignoranza e la sua collezione di luoghi comuni dietro l’attacco indiscriminato alla politica, qualsiasi politica, al governo, qualsiasi governo. Tuttavia erano ignoranti qualunquisti industriosi nel ricavare da qualsiasi politica, da qualsiasi governo, guadagni e opportunità coltivando solo gli affari propri.
Oggi l’antipolitico non è compreso dal politico, per ovvie ragioni.
L’antipolitico, oggi, è sin troppo intriso di politica e se ne vuole alleggerire, liberare. L’antipolitico è pensante e aspira alla leggerezza.
L’antipolitico è stanco, ne ha sentite tante, ha visto trasformismi stupefacenti e non appartiene più al target a cui sono rivolti stomachevoli leit-motiv.
Fa molto comodo alla politica brandire il pericolo di una deriva antidemocratica (o populista) prodotta dall’antipolitica; il fortilizio si sente assediato.
Ma questi richiami non funzionano più; fanno riferimento, ipocritamente, ad un mondo che non c’è più, non seducono ormai più nessuno.
Siamo trattati da cretini, ma non lo siamo.
I contrasti ideologici di ieri, le lotte politiche e le prese di posizione, mettevano in gioco scelte di vita. Oggi assistiamo alla secessione delle idee, mentre la vita va da altra parte e vorrebbe altre cose.
Siamo in svendita totale; anche le storie individuali dei politici sono sottoposte a lifting della memoria, attraverso nuove autobiografie retroattive, sotto gli occhi allibiti dei testimoni, piccole persone che, illuse, hanno speso tanto e che si ritrovano antipolitici.
Sarà Veltroni-Capiscioni a mettere le cose a posto, vedrete, è lui il nuovo che azzera tutte le storie, appiana tutti conflitti, avvicina le distanze; tutto omeopaticamente, non ve ne accorgerete neppure.

.

senza-titolo.jpg

Mattina in libreria

lunedì, settembre 10th, 2007

castelli.jpg

heidegger.jpg

crainz.jpg

V-day e il primo giorno del cinico Minghetti

venerdì, settembre 7th, 2007

 noto.jpg .  Il Professor Minghetti, che aderisce al V-day, ed il suo collega di Educazione Fisica, Mariani, tra i pochi uomini rimasti nel gineceo formativo, guardano pigramente l’accalcarsi furioso delle colleghe intorno al tavolo ove sono ammonticchiati i nuovi registri personali, quest’anno rossi, nuovissimi, vergini. Si avvicina il professor Grazia, di Religione, sportivo, dinamico, col solito borsone anche quando non c’è niente da fare, tipico ciellino; comunque sia, è il “terzo uomo”.«Avete visto che scena?»«Quale scena?»«L’assalto ai registri.»«Veramente noi qui stavamo valutando i fondoschiena dal punto di vista sociologico, se vuoi unisciti a noi, potresti dare valutazioni antropologico-religiose.»«Quest’anno vedo fondoschiena nuovi, più giovani.»«Sì, ma sono “culi” – permetti Grazia – precari.»«Preferisci culi in ruolo?»«Preferisco quelli delle supplenti.»«Perché?»«Perché mi fanno regredire.»«Senti Grazia, ma il tuo è nome d’arte o è proprio così?»«Dai patacca, dì, piuttosto, che classi hai quest’anno?»«Tutte prime, ho fatto domanda per avere la scorta.»«E della nuova Preside cosa ne pensi?»«Mi pare sia un brav’uomo.».

Notti Malatestiane

giovedì, settembre 6th, 2007

notti-malatestiane.jpg

Sul “maggiore” e sul “minore” si sono sempre intrecciati innumerevoli equivoci.
Il “maggiore” di oggi potrebbe svaporare domani, mentre il “minore” crescere, conquistarsi un futuro, se qualcuno lo riattualizza. Anche parole come “marginale”, “inattuale”, “sommerso”, “residuale”, “locale” sono sottoposte alla variabilità delle prospettive storiche ed al piacere della ricerca. C’è, infatti, una tendenza glocal – sì, la parola non è un granchè – che segnala un “trattenere” ciò che ci è vicino in una prospettiva spaziale estesa, colta, sensibile.
Nell’ambito artistico, poi, come si sa, le verità si susseguono come abiti di collezione in passerella, mutuandosi poi nel prêt-à-porter; di conseguenza nulla è dato una volta per tutte. Forse Fellinia non ci farà precipitare tutti in una Global City indifferenziata, visto che qualcuno ci ricorda il nome originario, Rimini, e gli uomini che la abitavano; e che la abitavano, soprattutto, artisticamente, poeticamente, musicalmente.
Coraggio artisti! Sperate, lavorate, create! Create nel quotidiano, nel “minore”, come se il vostro fosse un mestiere, molto bello, ma come tanti altri.
Meglio un futuro da minore di successo dopo morti, accolto da persone intelligenti, che un’onnipotenza fallita oggi, appena appena percepita da contemporanei cretini distratti, che contribuiscono al vostro insuccesso.